Tuesday, December 13, 2016

Il bricolage

Partendo da una famosa definizione data da Claude Lévi -Strauss nel Pensiero selvaggio, ecco alcune considerazioni sul bricolage:



Monday, December 12, 2016

Step 25 - Sintesi finale

Scrivere un testo di 2000-3000 caratteri max in cui si racconti il proprio percorso di ricerca sul colore in esame, ponendo i riferimenti (link) a TUTTI i propri 24 post.

Non sono ammessi schemi o elenchi.

Step 24 - La "nuvola del colore"

Preparare la "cloud" dei termini che costituiscono l'arcipelago delle parole attinenti al colore in esame, spaziando anche in lingue differenti. Elementi di questa "nuvola" devono essere i sostantivi e gli aggettivi che definiscono il colore nelle sue differenti caratteristiche (lucentezza, opacità, durezza, freddezza, ...) che permettono di meglio identificarlo, anche per eventuali ricerche sul Web.




Identificare l'oggetto che meglio reiifica, concretizza il colore in esame, spiegandone il perché.

Step 23 - Un colore "selvaggio"

Tenendo presente le considerazioni di base sul "pensiero selvaggio" che emergono dalla lettura del saggio di Claude Lévi Strauss cercare di identificare la dimensione primitiva del proprio colore associandola al rapporto materialità dell'oggetto / nome dell'oggetto.
A tale proposito si legga il capitolo "la logica delle classificazioni totemiche" nel Pensiero selvaggio di Claude Lévi Strauss. (commento)

Un suggerimento: quali sono i colori del Natale? quali i colori del Ramadan? quali i colori del Bar mitzvah?

Il pensiero selvaggio

Il pensiero selvaggio è il titolo di un saggio di Claude Lévi-Strauss.


AVVISO

La lezione di oggi 12 dicembre si svolge regolarmente con il docente del corso.

Step 22 - Il colore in architettura

a) Cercare un'opera architettonica che si identifichi nel colore in esame.
b) Cercare una presenza del colore in esame in un trattato di architettura, ovvero in una rivista di architettura.

Un suggerimento: quale ruolo ha il colore nell'opera di Chris Ware?

Il De Architectura di Vitruvio

Sunday, December 11, 2016

Il colore nell'architettura

LA LEZIONE E' RIMANDATA

Prossimamente la professoressa Anna Marotta terrà una lezione sul tema del colore in architettura. Tempestivamente sarà comunicato il giorno e l'ora.




Monday, December 5, 2016

Step 21 - I protagonisti

Presentare i personaggi (storici) del passato (e del presente) che si legano al colore dell'indagine, si definisca il loro ruolo nella storia del colore, in senso lato, e se ne presentino le note biografiche con opportuni link ad altri siti del Web.

Friday, December 2, 2016

La merce

Nel Capitale di Carlo Marx la merce è il tema centrale del capitolo 1 del Primo Libro.


Thursday, December 1, 2016

Storia di parole: moda / moderno


La moda è un prodotto del consumismo a sua volta indotto dalla rivoluzione industriale, dove la produzione di beni di massa impone che le merci vengano rapidamente "consumate" ben prima della loro naturale usura e conseguente perdita della funzione.


Sembra che il termine modernus per la prima volta sia stato usato in un libro di conti della costruzione di una cattedrale gotica per indicare il nuovo modus aedificandi.

Storia di parole: macchina


In latino il termine attuale "macchina" era tradotto con ingenium (ossia opera dell'ingegno). da questo termine derivano gli attuali congegno e ingegnere. Nel latino medievale il termine ingenium divenne in Francia, engien che passò in Inghilterra diventando engine (da cui l'attuale engineer). La corretta traduzione di engine è quindi macchina, e non motore, che appartiene solo a un sottoinsieme di macchine.
Il termine machina ebbe nell'antichità valenza di apparato destinato a compiere azioni non-naturali e come tale assunse un carattere moralmente negativo. Machna fu il cavallo di Troia e analogamente tutte le macchine belliche. Anche in italiano il termine "macchinazione" ha significato negativo. Solo dal Rinascimento definitivamente il termine macchina ha assunto l'attuale significato neutro, sostituendosi all'ingenium.

Nel Capitale di Carlo Msrx la macchina è l'oggetto centrale del capitolo 13 del Primo Libro.